Il Fatto Quotidiano
ATTENZIONE RAGAZZI, PERICOLOSO PORTARE LA KIPPAH

 

Caro Furio Colombo,

Mi riferisco a un articolo che ho appena visto su "La Repubblica" del 24 maggio. Racconta di un ragazzino malmenato in un parco di Milano perché indossava la kippah. Mi sembra un segnale pericoloso.

Maurizio

E' pericolosa la relativa indifferenza con cui fatti gravi di questo genere vengono raccontati come modesti  atti di teppismo. Nel caso citato dal lettore, il rapporto della polizia dice testualmente che il ragazzino assalito, insultato e malmenato, ha riportato " lievissime contusioni" e - sulla base delle testimonianze raccolte da altri ragazzi, hanno descritto l'assalitore come " un bulletto della zona che dice anche ' nero  di merda' a un immigrato, e 'ciccione' a un  ragazzo obeso, solo per il gusto di insultare. Ovviamente si tratta di una piccola inchiesta per un fatto che, dal punto di vista dell'ordine pubblico, appare  di poca importanza. Resta strano che " il bulletto", che a quanto pare agisce in una sua area territoriale, al punto da essere mentalmente schedato da molti frequentatori del parco, non è mai stato notato da un vigile urbano o da qualche adulto attivo nella zona, che non è isolata, che è un normale,  popolato borgo cittadino. Resta anche da domandarsi come mai  questo  " bulletto" di periferia ( il diminutivo suggerisce che si tratti  di persona molto giovane ) abbia riconosciuto prontamente il berretto  ebraico sulla testa di un ragazzino estraneo al quartiere, che era  venuto da Roma a trovare, solo per quel giorno, degli amici milanesi, in un luogo  privo di identificazioni salvo quello indicato nel verbale della polizia,  " area di gioco nel verde cittadino". Interessante anche il dettaglio della testimonianza secondo cui  il giovane protagonista della bravata " insulta tutti". Ovvio che l'affermazione serve per dire che il soggetto in questione non è anti-semita,  ma solo maleducato. L'affermazione  non è così ingenua  per dei giovani testimoni improvvisati che, d'istinto, sanno come " normalizzare" l'accaduto, tipo "  quello li ( di cui però nessuno sa nulla, come se fosse Zorro ) se la prende con tutti". Segue, implicita la frase " "ma non ce l'ha con nessuno in particolare. E' solo astioso”.  Insomma il  caso emerge perché è stato necessario chiamare la polizia urbana  perché c'è stata una aggressione a un ragazzino italiano identificato come " ebreo". Ma poi il caso viene rapidamente sommerso da un giudizio di ovvia e tipica mini-brutalità cittadina, per non doversi porre il vero problema: allora, va bene così? Basta non portare la kippah per non provocare i bulletti?  Dato il modo in cui viene data la notizia ( parlo del modo in cui è stata raccolta e narrata da chi ha redatto il verbale ) si direbbe che c'è una grande voglia di dire che qui nessuno è anti-semita e che sarebbe sbagliato fare una gran storia da un evento così piccolo. Il dubbio, fondato, temo, è che non sia né piccolo né casuale.

FURIO COLOMBO

LETTERA - IL FATTO –27– maggio -2016 pag. 16

--------------------------------------------

Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

00193 Roma, via Valadier n. 42

lettere@ilfattoquotidiano.it

 

 
Cookie Policy