Il Fatto Quotidiano
TRUMP NON E' UNO CHE SI E' FATTO DA SOLO

Caro Colombo,

Nonostante  i molti aspetti sgradevoli, Donald Trump  è un tycoon, uno che ha fatto da solo la sua ricchezza. Questo spiega, credo , l'attenzione e il rispetto di tanti americani.

Andrea

Chi racconta che Donald Trump si è fatto da solo, racconta una leggenda metropolitana.  Trump è nato ricco da un padre costruttore e privo di scrupoli come lui, uno che dominava ( il padre prima del figlio ) la scena immobiliare newyorkese e che ha lasciato al piccolo Donald una eredità di cinquemila case e appartamenti ( cinquemila  ) nella sola Manhattan. Nei molti anni trascorsi a New York, in cui era inevitabile incontrare e conoscere Trump in quasi qualunque evento pubblico o politico ( nel senso del sindaco della città o del governatore dello Stato, non di partito ) la sua fama è sempre stata di personaggio eccentrico, nato  ricco, senza scrupoli, con progetti sempre più grandi ( molti realizzati, al punto di oscurare con i suoi grattacieli intere  zone del Central Park ) e, anche chi lo avversa lo deve ammettere, molta beneficenza ( un intero ospedale ). La sua spericolata  necessità di essere sempre nella notizia lo ha portato a clamorosi errori e sull'orlo della bancarotta. Ha avuto la famosa " second chance " ( la seconda occasione ) di tante vicende americane (come accade però solo ai più ricchi e spregiudicati ) ed è tornato ad essere il dominatore delle costruzioni a New York, con  immensi grattacieli   dedicati al suo nome ( Trump Tower ). Purtroppo la parola " tycoon", che nel gergo americano indica l'improvvisa ricchezza di uno che non ha niente e ottiene tutto con la sua abilità e il suo lavoro, viene usata molto spesso in Italia nelle notizie che riguardano Trump. L'uomo che, nella totale ignoranza  di quasi tutto, tranne il suo mestiere, sta tentando di diventare presidente degli Stati Uniti, è un "silver spoon", uno nato con cucchiaio d'argento già in bocca ( equivale all'espressione italiana "nato con la camicia") e non va promosso alla categoria di uomo che si è fatto da solo, perchè persino un playboy perdigiorno avrebbe avuto difficoltà a  liquidare la ricchezza del padre, benchè ci abbia provato. In una intervista alla Tv americana CBS , l'Avvocato Agnelli aveva interrotto l'intervistatore che aveva detto " lei, che si è fatto da solo..." con una correzione che Trump non potrebbe fare: "Non mi sono fatto da solo. Ma non mi sono disfatto".

FURIO COLOMBO

LETTERA - IL FATTO –06– agosto -2016 pag. 12

--------------------------------------------

Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

00193 Roma, via Valadier n. 42

lettere@ilfattoquotidiano.it

 

 
Cookie Policy