Il Fatto Quotidiano
IN VENDITA IL VISTO PER GLI USA, SOLO PER RICCHI E IMPRENDITORI

Caro  Furio Colombo,

Leggo che non è vero che ci saranno sempre più difficoltà per avere il visto americano, in questa stagione di "America First". A quanto pare un visto, per quanto caro, si può comprare.

Angela

….

Il lettore deve avere visto  notizie  che confermano le restrizioni già in vigore ( divieto d'ingresso per profughi e famiglie spossessate dalla guerra ) e ne annuncia altre ( ancora più restrittive ). Ma ci fanno  sapere anche della istituzione del visto EB-5, detto " investor visa" dove  "investor” ( investitore )  è la parola chiave. Per capire è meglio seguire il percorso indicato dal giornale di New York, che non è amico della Casa Bianca di Trump, ma non è mai stato smentito. Alla Casa Bianca, come si sa, vive la numerosa famiglia del Presidente. E alcuni membri di questa famiglia, come la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner, entrambi con incarico di consiglieri politici, hanno  importanti affari personali, oltre che politici. Ivanka, per esempio, è stata presente al primo incontro internazionale di suo padre, con il premier giapponese Abe, che è anche il distributore, nel suo Paese, della linea di moda creata dalla ragazza. Si sarà parlato di militarizzazione del Giappone, ma forse anche di argomenti più adatti alla giovane consigliera. Intanto il marito Jared era alle prese con un problema: come far entrare negli Usa, e restare per il tempo che vorranno  dei miliardari cinesi disposti a investire nella sua immensa impresa di costruzioni ( non parliamo di Trump, parliamo del genero di Trump e di un giro di affari grande come quello del suocero). Jared si è reso conto che i cinesi non hanno facilitazioni per entrare negli Stati Uniti e anzi sono fra i non graditi. Ma lo hanno tranquillizzato. Perché non concedere agli amici miliardari  cinesi il visto EB - 5 che si può comprare? Per le popolazioni  del mondo che aspirano a entrare per salvarsi,  e specialmente  per i profughi e i messicani, è un po' caro( siamo al livello di milioni di dollari) ma per gli amici di Kushner è una mancia. Dunque dov'è il problema? Il problema nella fastidiosa ostinazione dei senatori Diane Feinstein ( democratica ) e Charles Grassley (  repubblicano )  che hanno preparato una legge ( sostenuta da molti, nei due partiti ) che dichiara uno scandalo  la " carta verde" a pagamento e ne sancisce  l'abolizione. nonostante l'impegno bipartitico, la battaglia è dura: il Senato degli Stati Uniti contro la lobby dei costruttori insediata alla Casa Bianca. Al momento nessuno si azzarda a fare scommesse.

FURIO COLOMBO

LETTERA - IL FATTO –13–maggio -2017 pag. 10

--------------------------------------------

Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

00193 Roma, via Valadier n. 42

lettere@ilfattoquotidiano.it

 

 
Cookie Policy