Il Fatto Quotidiano
LA CORRUZIONE E' DI DESTRA O DI SINISTRA?

Caro Furio Colombo,

Minniti, ministro dell'Interno Pd, ha lanciato lo slogan: "la sicurezza è di sinistra. "Io vorrei chiedere sommessamente a chi vuole rispondermi: e la corruzione?

Andrea

Le due parole, sicurezza e corruzione, rappresentano le tappe di un lungo  viaggio di tutto ciò che era sinistra in Italia  verso un riposizionamento libero da impegni con. Gli elettori e da vincoli come l'ideologia. Nel momento in cui la fragile ma nuova casa dell'Ulivo aveva cominciato ad essere un modo diverso di fare politica qualcuno, nella vecchia sinistra ha cominciato a sentirsi a disagio.

L'Ulivo non era Marx, era una mite versione di riformismo, che non andava a destra e cercava fra le altre culture nuove del mondo. Una potente  avversione ha distrutto l'Ulivo reclamando un mondo ancora più nuovo, in cui sei libero caso per caso, situazione per situazione, di decidere quale strada prendere e con chi. A questo punto, entra in campo e prevale il paganesimo Berlusconiano che ha tre idoli, i sondaggi, l'approvazione dei proprietari ( di fabbriche o di ricchezza ) e la liberazione dalla fastidiosa compagnia dei sindacati. Prima di tutto, se c'è in giro una classe lavoratrice, pretende  di dire la sua su riforma del lavoro, dei salari, delle pensioni, togliendo spazio alla creatività dei partiti. Inoltre i sindacati  coprono, con la loro questua continua , la legittima richiesta  dei partiti di essere tenuti in vita a condizioni adeguate. Aria, aria, sempre essere il grido innovatore che viene dalla ex sinistra. Ma a questo punto la politica ( tutta ) è  diventata  una società di servizi animata da una vivacissima competizione. Non fra destra e sinistra

ma fra coloro che sono più veloci  e più pronti a servire il cliente. Dunque non è giusto dire che " adesso anche a sinistra ci sono i corrotti" oppure che le due parole " sinistra" e " destra" non hanno più senso. Le tribune sono sempre li e le parole hanno sempre lo stesso senso. Se ne sono andati i militanti, perché o si sono trasferiti, al seguito dei dirigenti,  nel "campo dei talenti" insieme ai gatti e alle volpi berlusconiane , o si sono accorti del trucco e restano altrove, in attesa.

In queste conduzioni, però, è naturale che, come ha osservato Cantone, la corruzione aumenti.

E' diventata, come dimostra la storia quieta e così normale e quotidiana del Rolex alla sottosegretaria, la normale attività professionale: E' normale che serva sempre a qualcuno una riduzione dell'Iva. E' naturale che ci siano, nei luoghi giusti, professionisti adatti.

FURIO COLOMBO

LETTERA - IL FATTO –23–maggio -2017 pag. 10

--------------------------------------------

Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

00193 Roma, via Valadier n. 42

lettere@ilfattoquotidiano.it

 

 
Cookie Policy