Il Fatto Quotidiano
MOTOSCAFI E CONTRABBANDO : E DOVE SAREBBE LA PROVA?

Caro Furio Colombo,

C'era stato un po' di silenzio dopo le drammatiche  dichiarazioni contro  i "nuovi pirati", le Ong che salvano i profughi in mare. Adesso una inchiesta accurata ha svelato che motoscafi veloci e costosissimi si dedicano persino al contrabbando di sigarette..

Eric

E' una narrazione curiosa che compare su diversi giornali quasi con le stesse parole e alcune frasi identiche, segno che si tratta di  informazioni  gentilmente fatte pervenire da fonte ufficiale. Il racconto parla di motoscafi veloci che in meno di quattro ore ti portano dalla Tunisia in Sicilia, e che hanno quattro caratteristiche: sono sicuri, costano molto, imbarcano sigarette di contrabbando  e trasportano a volte persone sgradite alla polizia tunisina ( non ci dicono se per motivi di politica locale o per ragioni internazionali, ma si cita solo l'intercettazione di un tale che chiede aiuto a uno sceicco, che forse non  potrebbe aiutarlo in Italia ). Difficile dire  perché questa notizia ( diffusa a cura di tutti i giornali e telegiornali ) dovrebbe rincuorarci  sulla lotta al terrorismo, mentre i nostri jihadisti locali vanno e vengono tra Italia, l'Europa e Medio Oriente senza difficoltà e senza rischi. Difficile anche spiegare come fanno motoscafi d’alto mare, dunque facili da notare quando partono e quando arrivano, ma anche mentre  viaggiano, sfuggire  a tutte le guardie costiere, le marine militari, i droni, i radar e l'apparato di sorveglianza che pure nota  e mette nella lista dei sospettati le navi Ong se si spostano troppo  vicino alle acque  libiche, persino se lo fanno per soccorrere naufraghi.  Resta una domanda: la notizia dov'è? Non nei motoscafi veloci, che si trovano sui cataloghi. Non nel contrabbando, che fiorisce da sempre in certe aree portuali italiane. Non nella  fuga dalla Tunisia di persone ricercate o sgradite a quella polizia, nessuna delle quali risulta avere a che fare con il resto del mondo. Non nel fatto che più paghi  e più ti trattano bene. Resta sospesa  un'ipotesi: e se ne approfittassero  anche i Jihadisti?  Giusto. Non resta che identificarli  e arrestarli. Ma di questa parte della notizia non c'è traccia.

FURIO COLOMBO

LETTERA - IL FATTO –09- giugno-2017 pag. 12

--------------------------------------------

Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

00193 Roma, via Valadier n. 42

lettere@ilfattoquotidiano.it

 

 
Cookie Policy