Il Fatto Quotidiano
RISPOSTA A UNA MINACCIA : LA MEMORIA FA MALE

Signor Furio Colombo,

Si rassegni. All'idea che ci siano tanti seguaci del Fascismo. All'idea che gli ebrei stiano sulle balle a mezza umanità. Al fatto che qualcuno manifesti simpatie per Fascismo e Nazismo. Al fatto che ci possa essere un Fascio Littorio su una scheda elettorale, o in una qualsiasi struttura anche aperta al pubblico. Chi non gradisce vada altrove!

Fabrizio

“La memoria fa male”, è una frase chiave nel nuovo  libro di Corrado Stajano, edito da  Il Saggiatore. Rivive il tempo e il Paese del fascismo con gli occhi e la malinconia di un “figlio della Lupa”, un bambino degli anni Trenta a cui tocca di traversare la squallida banalità del fascismo, senza ancora poterne sapere o poterne giudicare  il male , il dolore, la persecuzione, la paludata ferocia  autenticata dalla firma del re imperatore. La qualità unica di questo libro, che torna al fascismo proprio mentre si discute se  invece sia stato, dopotutto, portatore,  di  buone cose, oltre che di milioni di morti,  è il senso di umiliazione che il bambino con la m ( per Mussolini ) sul petto, mentre cammina, in divisa per le strade di Como borghese, sente in sè e su di sè benchè ignaro del senso di tutto. A volte l’autore adulto entra nella storia e indica al bambino alcune cose che sarebbe giusto notare, come la Casa del fascio di Como disegnata  da Giuseppe Terragni, grande architetto  fascista, ignorato dal regime , autore del più bel edificio italiano degli anni Trenta. Mussolini disprezzava la Casa del fascio di Como, e la giudicava “ brutta”, e dunque tutti dicevano “ brutta”. Alcune pagine più avanti un adolescente frastornato da ciò che ha visto accadere  nella sua vita di bambino, e dalle voci ascoltate, dalle storie testimoniate di un mondo ferito a morte, ( Primo Levi parla in queste pagine ), un adolescente  libero e senza divisa, cammina fra le macerie di Milano e di una cosa si rende conto: ci pesa e ci fa male un passato che  nessuno ci toglierà dalle spalle, benchè tanti abbiano dato la vita e tanti siano stati assassinati durante  quel passato. Alla fine un ex monarca impagliato si affaccerà per dire “ma è stata ben  poca cosa”. Credeva, di raccontare  la sua epoca, invece ha fatto, senza saperlo, la cronaca  di questi giorni. “L’ansia è una cappa di piombo che pesa sull’anima”, scrive  Corrado Stajano in una delle pagine  più belle  di EREDITA’. Il presentimento del figlio della Lupa che cammina verso un futuro sbarrato, non era stato d’animo, era premonizione. Gli angeli neri che hanno sbranato l’Europa e si sono divisi i cadaveri, non se ne sono andati. Adesso liquidano  come  una barzelletta, chi la prende troppo sul serio.

Furio Colombo

LETTERA - IL FATTO –14-luglio--2017 pag. 10

--------------------------------------------

Furio Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

00193 Roma, via Valadier n. 42

lettere@ilfattoquotidiano.it

 

 
Cookie Policy